Se si ribellano i ragazzi, non tutto è perduto(Giorgio Bocca)

Il 23 dicembre è stato sfiduciato Il Sindaco Marino. I commenti, i comunicati contrapposti, le interviste hanno riempito le pagine dei giornali e le trasmissioni delle emittenti locali. E’ passato in secondo ordine il comunicato a firma dei  giovani coraggiosi emesso il 22 dicembre che denunciava i metodi clientelari della gestione della Cosa Pubblica. La prima è una non-notizia in quanto sia gli uni(gli sfiduciati) che gli altri(i firmatari) appartengono, per la maggior parte, alla razza dei politici di professione, cioè di coloro che vivono di politica e non sanno fare altro. Sono i più pericolosi in quanto agiscono nel loro esclusivo interesse, gestendo l’esistente senza alcuna strategia utile al territorio.  Nello sforzo di continuare a detenere o conquistare il potere i politici di professione sono indotti alle alleanze con i “poteri forti” che quasi mai hanno interessi coincidenti con la società civile. Da una parte viene sancita la messa da parte  di una figura che ha esercitato, quasi ininterrottamente, il “potere”  per 40 anni.(l’intervista rilasciata al suo addetto stampa ne è la testimonianza). Dall’altra se non nella durezza e nella crudezza degli epiteti usati nel corso dell’intervista, rivolgendosi ai suoi alter ego, vanno condivise le considerazioni della poco affidabilità dei soggetti firmatari, alcuni di loro recidivi. L’uno e gli altri  non rappresentano certo la novità nel panorama politico capaccese. Novità che invece viene avanti da parte dei giovani democratici che in un panorama politico confuso e indistinto hanno il coraggio di ribellarsi e di schierarsi. Nel caso specifico aderendo alla lista di “Alternativa Democratica” a sostegno del candidato sindaco Gennaro De Caro.  Con parole chiare, semplici, facili hanno emesso un comunicato in data 28 dicembre, anche questo trascurato dagli organi di stampa locali e non. E’ più facile porgere un microfono ai soliti noti, dai quali si trae sostentamento, che prestare attenzione a chi con passione, coraggio, oserei dire bellezza e secondo ritmi nuovi può rappresentare  l’arcobaleno del futuro rispetto al grigiume imperante.

Forza ragazzi, non delegate! Con passione, lungimiranza e senso di responsabilità appropriatevi del gusto di governare in prima persona il Vostro Domani. Felice 2012

Pietro De Rosa

 

You must be logged in to post a comment.