PETIZIONE POPOLARE : CONTRO LA CEMENTIFICAZIONE DELLA COLLINA PER UN’URBANISTICA TRASPARENTE E RAZIONALE

Sinistra Ecologia e Libertà Capaccio Paestum  

e le associazioni  Paestum oltre le mura – Per cambiare Capaccio Paestum

intendono lanciare una proposta di Petizione Popolare da presentare al consiglio comunale di Capaccio al fine di annullare il progetto denominato “riqualificazione piazza Tempone aree adiacenti” che prevede la realizzazione di  circa 40 unità abitative in località Chiusa Di Lione a Capaccio capoluogo, una colata di cemento per devastare natura e paesaggio.

Come molti sanno, l’area in questione è di grande interesse naturalistico e paesaggistico con la presenza di querce e monumentali ulivi  secolari; inoltre confina con il centro abitato più antico di Capaccio capoluogo ( località Molticello) che come tutto il centro storico versa in un totale stato di degrado e abbandono.

Il nostro NO all’edificabilità della collina non è un atto ideologico, ma una scelta di rispetto per la tutela dell’ immagine e la storia della nostra città. Capaccio ha bisogno di riqualificare e riprogettare il centro storico del capoluogo e qualche area collinare, privilegiando il recupero degli edifici esistenti con criteri di sostenibilità ambientale, minor consumo energetico e maggiore efficienza, non necessariamente occupando nuovo suolo per le edificazioni. Sarebbe utile promuovere programmi per rendere nuovamente appetibile vivere a Capaccio, valorizzandone i suoi aspetti peculiari di città ricca di storia, arte e cultura circondata da scenari naturali di rara bellezza. Costruire nuove case sulla collina serve soltanto ad arricchire pochi speculatori del tutto indifferenti al futuro e alla bellezza del nostro territorio, condannando definitivamente la città di Capaccio al suo inesorabile declino.

 

DIAMO UN FUTURO MIGLIORE ALLA NOSTRA CITTÀ

You must be logged in to post a comment.