Il 16 agosto a Piaggine manifestazione contro il taglio dei faggi del Cervati

“Salviamo i Faggi di Monte Cervati”
Comunicato: azione di sensibilizzazione opinione pubblica e dimostrazione contro il taglio del bosco nel territorio di Monte Cervati.

Sul versante settentrionale del M. Cervati, in località “Temponi-Acqua Che Suona”, è previsto un taglio di alberi di alto fusto di faggi nel territorio del Comune di Piaggine.
Il bosco di faggi secolari in questione, situato a circa 1450-1500 m. s.l.m. ai piedi della bastionata nord del Monte Cervati (tetto e cuore naturalistico del Parco Nazionale), può essere considerato uno dei luoghi naturalistici del Parco N. più interessanti e rappresentativi del territorio del Parco stesso. Si tratta di un’area SIC di grande pregio ambientale.
Inoltre la zona è interessata dall’attraversamento di alcuni sentieri ufficiali del Parco N., dal Sentiero Italia (a cura del Club Alpino Italiano) e dal Sentiero Trans-Europeo E1 (a cura della Federazione Europea Escursionistica). Un taglio di bosco in un luogo montano a forte vocazione turistica naturalistica potrebbe danneggiare l’immagine di questo territorio e di conseguenza di quanti operano nel campo della promozione e ospitalità turistica. Il territorio del M. Cervati deve essere tutelato e posto al centro d’interesse per la promozione e lo sviluppo del Parco N. Cilento e Vallo di Diano. Non è giustificabile un tale danno ai luoghi, nel breve e medio tempo, con mere valutazioni di carattere tecnico né può ritenersi compensato da valutazioni di tipo economico.
Il Gruppo Escursionistico Trekking Vallo di Diano con denuncia del 07.06.2010 indirizzata alle Autorità competenti ha riscontrando delle anomalie nella procedura tecnico-amministrativa riguardante il taglio del bosco in questione.
Nonostante l’istruttoria in corso da parte del Corpo Forestale dello Stato competente territorialmente, il Comune di Piaggine, senza aspettare l’esito della stessa, ha autorizzato nei giorni scorsi la ditta boschiva, aggiudicataria del bando di gara, ad iniziare i lavori di taglio degli alberi. A tutt’oggi sono stati già tagliati diverse decine di alberi.
E’ un abuso, una beffa, un inganno e una offesa non solo al territorio, ma anche a chi ama e frequenta questi luoghi.
Alla luce di quanto evidenziato, il GET Vallo di Diano, ritiene opportuno che tale problema vada reso noto coinvolgendo quanti (associazioni, cittadini, mass-media, ecc.), sensibili a tali problematiche aderiscano alla iniziativa di presidio della zona interessata dal taglio del bosco perché si salvaguardi il territorio del Cervati da questo taglio e da altri interventi che potrebbero essere in contrasto con l’idea di tutela e salvaguardia del patrimonio naturalistico.
Pertanto si invitano tutti coloro che, sensibili a questa problema, vorranno partecipare al raduno che si terrà il giorno 16.08.2010, alle ore 9,00, in località Temponi – Acqua Che Suona per protestare contro il taglio dei faggi.
Per informazioni e adesioni rivolgersi a:
GET Vallo di Diano 0975-72586 (info@getvallodidiano.it 338 3095044 – 339 5788065 – 333 8515442 – 335 272829 – 388 7557850

You must be logged in to post a comment.