Aiutiamo la Costa D’Avorio con piccoli contributi

Stiamo realizzando una costruzione di una casa d’accoglienza, ambulatorio e scuola in Costa D’Avorio a Koun Fao

Referente in Costa d’Avorio: PADRE COSTANT ATTA KOUAUDIO, PADRE MISSIONARIO

L’associazione il Granato si è impegnata a partecipare al progetto di Padre Costant Atta, nell’aiuto finanziario per la costruzione di una scuola e casa d’accoglienza per bambini orfani,  in Costa d’Avorio. Padre Costant Atta è un parroco della Costa d’Avorio che ha ricevuto la gestione di una parrocchia in una zona molto povera e ampia come circoscrizione in Kuon Fao. Padre Costant ha studiato in Italia e si è fatto apprezzare per la sua grande disponibilità umana e solidale. A Capaccio ha avuto per un lungo periodo la residenza, ed abbiamo potuto constatare la sua operosità pertanto, la nostra associazione insieme ad altre e tante famiglie locali, ha costituito un nutrito gruppo di sostenitori alle sue iniziative.  Periodicamente facciamo pervenire a Padre Costa il nostro contributo per la realizzazione del progetto che attualmente è a buon punto. I ragazzi di padre Costa vivono in una condizione molto precaria, mancano i servizi più elementari che nel nostro mondo rappresentano la modernità e l’essenzialità. Pubblichiamo di questo progetto alcune foto che “Costant Atta” ci ha inviato. La donazione continua, vede man mano realizzare le opere e in base alle loro richieste ed esigenze. Noi dell’associazione il Granato, ci autotassiamo e raccogliamo fondi. Invitiamo i cittadini ad  aderire o contribuire.

Contattando la nostra redazione per essere dettagliati sul progetto e avere i recapiti di Padre Costa. Aiutaci a sostenere l’iniziativa per far sì che migliorino le condizioni in questa regione del mondo molto povera.

Per maggiori dettagli si può consultare il sito http://www.etiportoinafrica.it/sogni.asp per visionare il progetto e la destinazione delle nostre offerte.  Il progetto dell’iniziativa e le  opere su  http://www.etiportoinafrica.it/opere.asp

Foto Costa D’Avorio

Vedi il filmato: http://www.etiportoinafrica.it/CASASPERANZA.wmv

You must be logged in to post a comment.