FINALMENTE IL METANO ARRIVA A CAPACCIO PAESTUM e ad ALBANELLA

Dopo anni di attesa, controversie burocratiche intoppi e ritardi vari l’Amministrazione Voza e l’Amalfitana Gas hanno appianato
la strada per la realizzazione della rete del metano e raggiunto l’accordo per la realizzazione dell’impianto.  Il Consiglio comunale perfezionerà e ufficializzerà l’accordo nella prossima seduta.

La metanizzazione nei comuni di Capaccio Paestum ed Albanella presto sarà realtà. Lo scopo da raggiungere  è la riduzione al 50% della spesa per il consumo del gas. I costi per l’intervento sono a totale carico della l’Amalfitana Gas, mentre i cittadini dovranno poi solo sottoscrivere la richiesta di allaccio.

Il metano, chiamato impropriamente gas di città perché costituito da una miscela di più gas, è un idrocarburo molto semplice formato da un atomo di carbonio legato a 4 di idrogeno; per cui la sua formula chimica è CH4, e si trova in natura sotto forma di gas.

Il metano è incolore, inodore ed insapore, quindi per essere distribuito nelle reti domestiche deve essere “odorizzato” attraverso un processo di lambimento di un liquido dal caratteristico “odore di gas” (spesso si tratta del tetraidrotiofene). Questo procedimento, assolutamente indispensabile, viene eseguito per rendere “avvertibile” la presenza di gas nell’ambiente e, dunque, diminuirne la pericolosità per l’uomo e per l’ambiente.

Il metano brucia in presenza di ossigeno originando anidride carbonica, acqua e calore; ovvero proprio quella “reazione” che si sfrutta per tutti i più comuni impieghi domestici, dal riscaldamento alla cucina. Il metano arriva nelle abitazioni private direttamente in forma gassosa grazie ad una rete capillarizzata di tubature che lo distribuiscono su gran parte del territorio nazionale. In questo modo, è possibile pagare soltanto per l’effettivo consumo di gas e non si rende necessario l’utilizzo di serbatoi di accumulo.

Amedeo Bavoso

You must be logged in to post a comment.