Capaccio: Consiglio Comunale approva un centro commerciale..taralli e babbà

L’ultimo consiglio Comunale approva centro commerciale.  Svoltosi a Capaccio Paestum in Maggio c.a.  il Consiglio Comunale Capaccese ha approvato una variante al PRG oggi PUC, destinando un’area agricola in commerciale. La paradossale approvazione costituisce una logica stranezza in quanto è stato reiterato in Consiglio Comunale come una variante di un’ampliamemnto commerciale esistente. La spiegazione e le motivazioni spiegate dal responsabile di Settore ing. C.G. è stata paradossalmente molto approssimata, infatti come si evince sul filmato di Stile TV,( i cittadini possono accertarsi personalmente di quello che dico vedendosi il filmato del Consiglio comunale), infatti, il responsabile di settore, relazionando in Consiglio Comunale alla presenza del Sindaco, di tutti i consiglieri di maggioranza e di opposizione,  spiega che la variante è giusta in quando, è’ un’attività esistente sul territorio e si può concedere una variante di ampliamento di superficie. La ditta vende materiali edili, ferri, cementi e attrezzi vari che essendo all’aria aperta si arrugginiscono e si rompono, si avariano. La struttura esistente è piccola e hanno chiesto  l’ampliamento. L’ampliamento che si approva, serve a coprire il ferro per l’edilizia ed i sacchi di cemento. Pertanto la variante ha previsto un ampliamento di 25 volte più grande della struttura esistente. La struttura è adiacente alla stessa zona industriale in via di sviluppo ed in via di nuovi bandi per l’aggiudicazione delle aree. Si approva quindi ad un passo del PIP una nuova struttura, ingannando ancora una volta il consiglio comunale, ed a farlo è sempre lo stesso galoppino.

Abbiamo potuto ancora una volta costatare la poca informazione dei consiglieri di maggioranza che hanno approvato a quel che “le voci circolano” ad un vero e proprio centro commerciale, beffando in ogni caso alle normative previste dal PUC, nuovo che vecchio. In effetti è stata varata una variante “razzo” che ha beffato tutte le linee programmatiche di piani commerciali, piani urbanistici e piani di sviluppo artigianali ed industriali già esistenti, scavalcando in anteprima anche le linee del nuovo PUC già conosciuto dai cittadini per le sue vicende di interessi privati ai danni dei cittadini ed imprese locali che operano seriamente nella storia dell’economia locale.

E’ chiaro, ed evidente che nel Comune di Capaccio ci sono personaggi ormai corrotti e che hanno raggiunto il massimo della corruzione amministrativa. Questo atto che si è svolto alla luce del sole, in diretta sulle piccole telecamere locali, non conosce regole e beffa la storia degli imprenditori locali.

Ci auguriamo che la magistratura, la legge intervenga per fare chiarezza alle dicerie in giro.

Inoltre, ci chiediamo nell’incredulità: “un’attività di mille metri quadrati, può avere una variante di ampliamento della sua superficie superiore a 25 volte della superficie esistente, beffando ogni regola ?

L’opposizione Consiliare ha rilasciato in fase di relazione ampie dichiarazioni dell’anomalia amministrativa. Invitiamo i consiglieri di maggioranza e di opposizione a stare attenti a tutte le pratiche dell’ufficio urbanistica in quanto sono a rischio di gravi errori amministrativi e soggette a controllo della magistratura.

You must be logged in to post a comment.